Arte e Cultura
03.09.2018 - 09:410
Aggiornamento 01.10.2018 - 16:29

Positivo il bilancio di Blues to Bop

Le rubriche di fashionchannel.ch: “ARTE e CULTURA”, alla scoperta di di artisti, mostre e spettacoli

LUGANO-Si è conclusa ieri con la tradizionale serata a Morcote la 30a edizione di Blues to Bop. Nelle quattro giornate di appuntamenti gratuiti il festival ha offerto a cittadini e turisti un programma intenso tra tradizione e innovazione. Importante l’affluenza di pubblico – a cui si aggiungono le persone che hanno ascoltato i concerti in diretta su Rete Uno – che nelle tre piazze del centro cittadino (Riforma, San Rocco e Cioccaro) si è lasciato trasportare dalla coinvolgente energia delle performance, in un ambiente caloroso e informale in pieno stile Blues to Bop. La line-up, composta da artisti ormai “di casa” alla manifestazione e da numerose importanti new entry, si è confermata di assoluto livello internazionale, dando vita a concerti in tutti i registri del genere, dalle atmosfere tradizionali delle radici del blues, alle nuove tendenze e interpretazioni.

Molto apprezzati i due appuntamenti più intimi, di approfondimento, del programma di quest’anno. L’incontro musicale Talkin’ the Blues svoltosi alla Darsena del Parco Ciani nel pomeriggio di
domenica ha garantito ai presenti un intenso viaggio nella storia della musica blues, tra momenti di racconto e esibizioni musicali live. Domenica pomeriggio si è invece dato spazio alle emozioni più viscerali e spirituali grazie a un intenso concerto gospel, che ha confermato Piazza Cioccaro (che faceva quest’anno il suo ritorno) come uno dei luoghi più significativi per il festival.

L’edizione 2018, oltre a segnare l’importante traguardo del trentesimo anniversario, è stata la prima senza il fondatore e storico Direttore artistico di Blues to Bop, Norman Hewitt, scomparso lo
scorso ottobre. L’intera edizione è stata caratterizzata dal ricordo di Norman e dall’omaggio alla sua figura e al suo lavoro. Un lavoro che ha fortemente marcato anche il programma di quest’anno, definito da un nucleo direttivo di persone che già da tempo lavoravano insieme a lui, a comunicare dal figlio, Edward Hewitt, che esprime la sua soddisfazione: “La speranza era quella di
creare il 30esimo anniversario di Blues to Bop che aveva già in mente papà prima della sua improvvisa scomparsa. Mi sembra che in questo siamo riusciti, grazie ad un fantastico lavoro di squadra di tante persone e ad un meraviglioso pubblico. Papà ne sarebbe stato molto felice.”

Redazione Spettacoli

Potrebbe interessarti anche
Tags
to
bop
blues to bop
blues to
blues
to bop
quest anno
programma
edizione
lavoro
© 2018 , All rights reserved