21 agosto 2018

Gioielli d’autore a Vicenza Oro

In occasione di Vicenza Oro 2018 Mattioli ha presentato in anteprima le sue nuove capsule

Gioielli d'autore a Vicenza Oro
Collezione Tagli

Le rubriche di fashionchannel.ch: “Fashion, grandi nomi della moda, brand emergenti, tendenze e curiosità”

Collezione Chips

MILANO-Una collezione di gioielli ispirati al movimento che, una volta indossati, disegnano forme stilizzate. La lavorazione del filo d’oro viene modernizzata in un gioco di onde leggere ed impreziosite dai diamanti bianchi: orecchini, anelli e bracciali avvolgenti in oro bianco e oro rosa che racchiudono la sapiente lavorazione che il brand aveva già espresso con la collezione Tibet, ispirata al filo della vita himalayano.

Con Chips il filo d’oro si rinnova e si trasforma fino a diventare un nastro prezioso ed elegante, nella versione in oro rosa caratterizzato dai diamanti bianchi in movimento, per continuare a riproporre un continuo e delicato scorrere del tempo

Collezione Fuochi di artificio

Ecco la nuova ispirazione della collezione di Licia Mattioli che gioca con incanti ottici, flash cromatici e fuochi multicolor. Anche qui c’è il richiamo all’arte e precisamente a Georges Seurat (1859- 1891) che privilegia la forza dei colori, fa accostamenti ammalianti e si permette di tralasciare la funzione delle linee, esaltando le immagini con il contrasto sapiente delle tonalità pittoriche.

Nascono così anelli realizzati con pavé variopinti, dove le pietre prendono vita tra direzioni e forme differenti: costellazioni di scintille in morganite e tormalina, sospese nell’oscurità di diamanti neri, ma anche fuochi pirotecnici creati per colpire lo sguardo con citrino bruciante, per giungere infine ai raggi concentrici di pietre colorate intorno all’orbita di una ipnotica acqua marina.

Collezione Puzzle

Kandinsky, Mondrian, Calder. Guizzi di astrattismo ed echi Seventies nella linea iconica Mattioli: Puzzle, che ha regalato al gioiello prêt-à-porter il massimo grado di libertà. Gioco e fantasia tintinnano nel coraggio dei colori e delle forme a trapezio. Angoli smussati, belle irregolarità da portare e cambiare a piacere. Puzzle èanche avanguardia dei materiali – madreperle colorate e legni.
Pezzi di straordinaria versatilità, come il girocollo “7 ways” che si lega al bracciale per diventare collana lunga ed essere indossata fino a 7 modi diversi: catene vive, sonore, che la donna usa e reinventa in tanti modi. Indossandole persino sui fianchi, in versione cintura ultra chic, Puzzle riporta la stessa versatilità della donna pronta ad adeguarsi e ad adattarsi ad ogni situazione.
L’orecchino costituisce in sé un piccolo prezioso gioco con elementi in madreperla e con la nuova versione in solo oro, full pavé di diamanti oppure zaffiri. Uno stravagante capriccio, permettendo di cambiare il colore del trapezino e dell’oro a seconda del look e del mood di chi lo indossa.

Collezione Reve_r

Seguendo il pensiero di Erich Fromm: “Il sogno è un microscopio attraverso il quale osserviamo gli avvenimenti nascosti nella nostra anima”. Licia Mattioli con questa collezione riporta il sogno vissuto, quando viene colpita, complice un viaggio in Brasile, dalle gemme racchiuse nelle pietre grezze dei geodi. Ma come questi elementi preziosi della natura possono essere riportati alla realtà?
È l’interrogativo cardine dal quale scaturisce oggi l’estro e la bellezza della nuova collezione Rêve_r. Un nome, un prezioso divertissement, una personalità ben definita in questo gioco di parole che ne illustra lo stesso design: onirico nella forma, dove gemme variopinte, montate in senso opposto, diventano protagoniste di un fascino acuminato. Ed ecco allora come sognare ad occhi aperti ciò che si rivela tangibile con i pezzi unici, partendo così dai riflessi verdi e citrini di oro giallo e peridoto, diamanti bianchi e fancy. Per arrivare alle visioni suadenti del modello più hi-tech, con diamanti neri, rubini e diamanti bianchi, fino allo charme femminile e morbido dell’anello in oro rosa, con diamanti bianchi e taglio antico, quest’ultimo proposto anche in una versione a fedina di più facile utilizzo. Ed ecco come sognare la bellezza di destinazioni lontane, lasciandosi trasportare dalle stesse ispirazioni Mattioli: quelle di geodi di pietre coloratissime racchiuse in pietre grezze che, complice un viaggio in Brasile, con appuntita precisione hanno lasciato traccia nella memoria del brand, per tornare oggi rivisitate in un iconico design.

Collezione Tagli

Una linearità apparente. Fatta di contrasti e contraddizioni, bagliori di vitalità e singolare individualità. Quella dei diamanti e dell’oro modellato per la collezione Tagli di Licia Mattioli che, con un nuovo e inusuale design, porta alte le lavorazioni di un’orafa bellezza, metafora di una vita intera. E di un metallo nobile nelle sue tre gradazioni: giallo, bianco e rosé, percorso da tagli netti e definiti. Solchi creati per lasciare il segno su orecchini, anelli e bracciali, simbolo di quei “tagli” ed esperienze che ogni donna porta con sé, giorno dopo giorno, trovando in questi sempre nuova personalità. Tagli già noti all’arte sulle tele di Lucio Fontana, nella ricerca di potenzialità spaziali ancora inesplorate, di luoghi dell’arte da trovare oltre e dopo la tela: proprio come nell’oro di Tagli, dove il taglio diventa generatore di luce e ritrovata bellezza. Portando con sé i bagliori di quei diamanti che, nelle loro sfaccettature, potranno interpretare al meglio ogni lato di una vissuta, decisa femminilità.

Collezione Tibet

Ogni giro un anno di felicità con il proprio marito: il filo ruota senza inizio nè fine, simbolo della circolarità della vita. Trasmesso di madre in figlia prima delle nozze, in qualsiasi materia – anche la più semplice – l’anello della tradizione himalayana è una storia vera reinterpretata nell’oro da Licia Mattioli, che l’ha chiamato Tibet riprendendo la leggenda di amore materno.
Tibet è augurio di bene, di prosperità, e insieme invito alla meditazione sul divenire delle cose, che rende prezioso ogni istante.

Redazione: fashionchannel.ch – A cura di: F. Nitti (Studio I. Errani)

6330870381451092UA-56317664-1