ABITARE/CASA
22.06.2020 - 18:000

Jw Marriott Venezia Resort & Spa semplicità senza tempo

Un creativo pavimento con lastre in gres porcellanato di Casalgrande Padana simili alla fine tessitura di un tappeto caratterizza gli ambienti di questo lussuoso Hotel

Le rubriche di fashionchannel.ch: “ABITARE”, interior design, decoration, tendenze, consigli utili, idee e proposte per arredare

VENEZIA - Dal masterplan generale al recupero degli edifici esistenti, l’intervento del JW Marriot Venice Resort & Spa da parte dello studio Matteo Thun & Partners + Luca Colombo è stato costantemente ispirato da una visione olistica e quindi considerato nella sua armonica totalità. Senza trascurare nessun dettaglio, la scelta della pavimentazione delle camere è stata appositamente disegnata, per richiamare in modo coerente, i vecchi pavimenti in legno del ristorante dell’ex Dopolavoro: l’espressivo impiego dei listelli in gres porcellanato in quattro colori pastello (Architecture Warm Grey e White, Unicolore Acquamarina e Rosa Antico) in formato 10x60 cm posati “a spina di pesce con tecnica all’italiana”, richiama alla memoria le raffinate tessiture dei tappeti e concorre ad impreziosire gli ambienti, valorizzando e ampliando le possibilità creative e di utilizzo del materiale ceramico.

L’isola, realizzata nel 1870 tramite l’interramento di un bacino acqueo con il materiale degli scavi per il porto commerciale di Santa Marta, è stata la protagonista, in un solo secolo, di una vera e propria metamorfosi: ceduta al Comune di Venezia che adibì l’area a capannoni per il Deposito Generale dei Petroli, nel 1892 alcuni capannoni vennero convertiti per ospitare un ospedale per malattie contagiose endemiche. Nel 1914 venne qui inaugurato l’Ospedale San Marco e nel 1927 iniziarono i lavori per la costruzione di un nuovo ospedale che venne inaugurato nel 1937: intorno ai padiglioni furono realizzati un grande parco, la centrale termica, i depositi, le officine, il Dopolavoro con il cinematografo e la torre idrica. L’ospedale cessò poi la sua attività nel 1979 fino a che nel 2015 l’isola è stata rilevata dal Gruppo Marriott, il quale ha affidato i i lavori di progettazione e ristrutturazione allo studio Matteo Thun & Partners con Luca Colombo. Il risultato è stato così straordinario che questo progetto si è aggiudicato la menzione speciale nella categoria edilizia pubblica, alla XI edizione del concorso internazionale di architettura Grand Prix.

Al fine di proteggere il carattere storico degli edifici, lo studio, supportato da un team di restauratori specializzati e in stretta collaborazione con la Soprintendenza di Venezia, durante il restauro ha scelto di mantenere all’esterno i vecchi muri a vista mentre all’interno è stata costruita la nuova struttura.

Il masterplan generale ha previsto la riorganizzazione dell’isola in tre parti principali: l’edificio principale dell’hotel, un centro conferenze e la Residenza in mattoni stile Liberty. L’edificio principale del Resort, composto da 230 suite in stile contemporaneo veneziano, è stato ricavata dallo spazio adibito all’ex Ospedale San Marco: il principale cambiamento architettonico ha visto la riprogettazione dell’ampia terrazza panoramica con la creazione della piscina a sfioro e del ristorante panoramico con vista su Piazza San Marco.

Oltre l’oliveto e il parco storico, un meraviglioso giardino geometrico si apre su un grande orto che serve i ristoranti del resort mentre una terza cintura verde è stata piantata con rape, funzionali per la rigenerazione del suolo.
La riapertura del canale interrato consente di assaporate l’autentica atmosfera del paesaggio lagunare, fatta di acqua, silenzio, tranquillità e lentezza; lontano dalla frenesia e dal rumore della città, il lussuoso resort si caratterizza, sia nella costruzione che nella gestione, per essere anche un “villaggio a tre zeri”: zero chilometri, zero CO2 e zero rifiuti.

Redazione Abitare

© 2020 , All rights reserved