ABITARE/CASA
01.07.2019 - 16:000

Hotel Hubertus ....oscillante tra cielo e terra

La struttura e' una vera e propria opera d'arte, dove gli ospiti possono vivere un'esperienza indimenticabile

Le rubriche di fashionchannel.ch: “ABITARE”, interior design, decoration, tendenze, consigli utili, idee e proposte per arredare

PLAN DE CORONES - Lo studio Noa – Network of Architecture, vincitore del primo premio nella categoria “edilizia pubblica e dei servizi” dell’XI edizione di Grand Prix, con il progetto “Hotel Hubertus”, sceglie le lastre in gres porcellanato Amazzonia di Casalgrande Padana.

Ai piedi del famoso comprensorio sciistico Plan de Corones in Val Pusteria, ad un’altitudine di circa 1.350 m, sorge l’Hotel Hubertus, per la cui ristrutturazione e ampliamento, lo studio Noa, fondato dagli architetti Lukas Rungger e Stefan Rier e specializzato nella realizzazione e ristrutturazione di hotel, ha scelto le lastre in gres porcellanato effetto pietra della collezione Amazzonia, nei colori Dragon Black e Dragon Green per pavimentare e rivestire 2.700 mq.

Una sfida particolare per il progetto, è stata quella di mantenere un linguaggio architettonico coerente tra l’edificio esistente e quello nuovo, nell’intento di creare uniformità tra la struttura
esistente e il volume costruito ex novo.

L’hotel è stato per gran parte ricostruito e ha perseguito un’estensione con 16 nuove suite, una nuova cucina con ristoranti e “Stube”, una sala d’ingresso con lobby, una reception e cantina di vini, una palestra e sala relax con terrazze panoramiche.

Per gli spazi interni, lo studio Noa ha scelto i colori Dragon Green e Dragon Black della collezione Amazzonia, declinati nei formati 30x60 e 60x60 cm, concorrendo così alla definizione di ambienti compiuti, risolti come successione di differenti figure.

Redazione Abitare - A cura di Fabio Luciani Communications

Potrebbe interessarti anche
Tags
hotel
hubertus
hotel hubertus
dragon
noa
studio
studio noa
amazzonia
© 2019 , All rights reserved